Home arrow Psicologia e Psicoterapia Transpersonale arrow ETICA ED EMPATIA di Carlangelo Furletti
ETICA ED EMPATIA di Carlangelo Furletti
mercoledì 26 ottobre 2011
 

Un amante bussa alla porta dell’amata: "Chi è?" dice l’amata. "Sono io" risponde l’amante. "Ho paura, non entrare". L’amante bussa nuovamente: "Chi è?" "Sono io" "Ho paura, non entrare". Passa tempo e l’amante disperato bussa nuovamente: "Chi è?" risponde l’amata. "Sono tu" …………………………… "entra"!

L’empatia si realizza nel confine di contatto e come tale costituisce un fenomeno organistico, cioè che integra livello endopsichico e livello interpersonale. Integrazione è, a sua volta, sinonimo di generazione, creazione. Possiamo quindi dire che l’empatia è un processo al cui apice si situa la creatività.

Non esiste la possibilità per gli esseri umani di generare con un atto immediato; abbiamo bisogno di sostenere un processo che consenta l’"unione a nozze" di istanze che erano originariamente differenti e tendenti a differenti obiettivi per creare. Può essere che la creazione tramite atto immediato sia una prerogativa divina, ma con questo evento è inutile arrovellarsi troppo: l’essere umano ci ha provato per millenni a imitare Dio e non c’è mai riuscito per un motivo fondamentale: non è nella sua genetica una tale possibilità. Per la verità tutti i fenomeni naturali che a noi appaiono come magici sono il prodotto di un dialogo interno che a noi sfugge. Per cui è assai possibile che anche ciò che chiamiamo Dio abbia bisogno di un tale processo per essere creato.

I buddisti dicono che è giusto nell’inesistenza o vuoto che incontriamo l’essenza o Dio, ma anche in quel caso non possiamo esimerci dall’immettere i fenomeni che incontriamo nel vuoto in un processo di confronto con il resto dell’esistente in noi per realizzare un processo creativo.

L’idea di un Dio che genera con il solo atto di volere costituisce un’idea infantile oltre la quale difficilmente riusciamo ad andare, incalliti e fissati come siamo alla convinzione che o siamo onnipotenti o non siamo niente.

Come diceva Nietzsche: "se esiste da qualche parte un Dio che è capace di tanto perché non dovrei invidiarlo, perché non dovrei voler essere come lui, anziché spendere il tempo ad adorarlo e compiacermi della mia impotenza al suo cospetto. Sarebbe giusto in quel caso ... ma... è morto: ...al mercato nessuno lo ignora; solo il folle vi s’aggira gridando: cerco Dio! cerco Dio!".

Siamo progressivamente diventati così perniciosamente attaccati a questo dualismo che la capacità di essere creativi anziché essere vista nella sua natura di processo, di valore che va sostenuto e nutrito viene considerata una "dote" e posseduta da gente dei cui prodotti si può solo godere passivamente. È così nei nostri sistemi educativi dove i bambini sono considerati o scemi o creativi, ma sia nell’uno che nell’altro caso il processo educativo non può intervenire se non in maniera notarile; è così nei nostri costumi culturali dove la creatività è attribuita a coloro che sono dotati del "gene della creatività", una specie di "creativococco" sulla cui attività l’uomo non può intervenire con il proprio bisogno, con il proprio desiderio e con la propria volontà. Lo può solo subire sia in positivo che in negativo.

Non è vero. È un imbroglio che ha come unico scopo quello di mantenerci in una posizione passiva rispetto alla nostra esistenza, di mantenerci nello stato di peones da colonizzare e redimere, laddove redimerci ha il senso di renderci convinti che l’impotenza è la nostra unica virtù in questa esistenza.

Così come i nostri genitori hanno cercato in tutti i modi di renderci come loro volevano, di convincerci che realizzare la loro volontà era l’unico modo per essere amati ovvero asservirci alla volontà di qualcuno-fuori di-noi che ha il potere di generarci, allo stesso modo la capacità di generare appartiene al divino o a qualche pazzo e come tale possiamo solo rimanere abbagliati e nel migliore dei casi estasiati dalla sua vicinanza, cioè manipolati… spesso infatti nel nostro mondo creatività infatti è sinonomo di capacità di manipolare, di imbrogliare. È vero il contrario: che possiamo generare e che possiamo amare e sono vere alcune altre cose.

La prima è che sia la capacità creativa che la capacità di amare non sono fenomeni spontanei in un adulto umano. Perché non può essere spontaneo? Perché implica una contemporanea immedesimazione in istanze interne differenti tra loro, ovvero un’immedesimazione contemporanea "nel Me e nel Tu", e questo non credo che avvenga spontaneamente poiché la nevrosi è un fatto endemico che si attua in tre fondamentali maniere:

– l’alienazione dal Tu

– l’alienazione dal Me

– l’alienazione dalla connessione Tu(-)Me

La seconda è che esse, queste capacità, si realizzano ovvero si creano attraverso il processo di empatia.

La terza è che l’empatia è un fenomeno che non solo si identifica nella capacità di amare e odiare, ma anche sostiene il processo del loro esistere e del loro relazionarsi. L’insieme di questi fatti genera l’empatia in quanto ciclo di esperienza che si conclude, sì, nelle nozze degli opposti ma che inizia anche nella dichiarazione di odio tra opposti; per questo motivo lo sviluppo del processo empatico implica un atto di volontà che a sua volta scaturisce, a mio avviso, soltanto dal riconoscimento del disagio di vivere. Tale riconoscimento è assai poco spontaneo.

Che cosa è l’empatia e in che modo sostiene il processo attraverso cui amore e odio creano, relazionandosi?

L’empatia si realizza nella capacità simultanea di immedesimarsi nel vissuto altrui e nel proprio.

Il termine "altrui" va inteso nel senso di "altro-da-sé", come in-conosciuto e quindi va riferito sia a un altro individuo sia a parti di sé sconosciute dalla propria consapevolezza.

In questo contesto svolge la doppia funzione di "porre-in relazione" sia sul piano interpersonale che sul piano intrapsichico e di consentire l’integrazione dentro-fuori in virtù del fatto che nulla è riconoscibile fuori se non è prima ri-conosciuto internamente.

Inoltre attua di per sé i fenomeni della conoscenza come esperienza e soprattutto della conoscenza come esperienza interna dell’altro-da-sé. In quanto tale, spinge alla scoperta esperienziale dello sconosciuto che c’è fuori e dentro di noi simultaneamente, poichè coincidenti, ma – e qui sta uno dei punti fondamentali della questione – conoscere lo sconosciuto non è un fatto assolutamente spontaneo, in quanto lo sconosciuto fa spesso paura. Da questo si può dedurre che se per empatia intendiamo tout court quella manifestazione ipocrita di buonismo che va tanto di moda, si ingessa il concetto, lo si ideologizza e lo si tramuta in un’azione pregiudizievole verso l’"essere", proprio perché diventa un comportamento aprioristico che non tiene conto della esperienza che in noi stessi facciamo dello sconosciuto, quindi nega se stessa nella sua attuazione, realizzando il contrario dei suoi presupposti.

A mio avviso è possibile restituire al fenomeno empatico la sua forza creatrice solo ricollocandolo nel campo dell’esperienza e soprattutto in una fase particolare dell’esperienza: nel momento in cui la persona incontra, vede, sente, percepisce per la prima volta lo sconosciuto e per la prima volta percepisce la paura, l’odio, il dolore, la vergogna ovvero (il cosiddetto "male che è in noi") che questi gli suscita, quindi lo rifiuta e rifiutando l’estraneo rifiuta l’esperienza del suo "male".

Credo che nel momento stesso che stabiliamo una connessione rifiutante con il "male", lo ri-conosciamo. Se a questo ri-conoscerlo attribuiamo un significato di "diventare consapevoli" allora entriamo in connessione empatica con il rifiuto medesimo.

Stabilire una connessione empatica ha due conseguenze, a mio avviso:

a) che nell’atto di provare la paura o altro, quella istanza ci diventa appartenente. Diventiamo vincolati alla nostra paura, scopriamo l’inesorabilità del vincolo e la sua indistruttibilità, ma anche iniziamo a scoprirne l’utilità;

b) in virtù di questo riconoscimento abbiamo aperto gli occhi sul rifiuto di provar paura, apriamo i nostri sensi al rifiuto medesimo, lo facciamo esistere e gli consentiamo di svolgere il suo ciclo vitale e dunque non siamo più nell’agito del rifiuto di essa-paura. Si potrebbe dire con Buber che in quel preciso momento smettiamo di "essificare il Tu" ed entriamo in relazione con Tu ovvero entriamo nell’esperienza di Tu.

Nel preciso momento lo sconosciuto che è in noi smette di essere alienato da noi stessi e in quell’atto di recupero noi siamo già nel processo empatico.

Voglio dire che non dobbiamo immaginarci uno che mentre scopre la sua paura dell’altro o il suo odio per l’altro è lì con un sentimento di accettazione buonistica verso sé e il suo odio: questa è la parodia dell’empatia. Nel momento in cui riconosciamo il nostro odio e non ci piace e lo rifiutiamo nel riconoscimento del rifiuto, già esiste l’empatia, non solo, ma tale riconoscimento attua di per sé un ponte connettivo tra colui che odia e colui che lo rifiuta.

Il riconoscimento attua il processo empatico tra rifiutante e rifiutato e quindi implica l’innesco del processo creativo che si concluderà alla fine del ciclo nel dare forma a qualcosa che prima non c’era, coniugando le ragioni e i sentimenti dell’ex-rifiutante e rifiutato. Empatizzare con il proprio odio non è meno importante che empatizzare con la nostra capacità di amare. È quasi tautologica l’affermazione, dal momento che non è possibile sviluppare la capacità di amare senza sviluppare quella di odiare.

L’empatia trasforma l’odio ma nel senso di non poterlo più agire in maniera inconsapevole e implica la ricerca di un canale espressivo che lo rende meno pericoloso e più autentico in quanto aiuta, quindi, da conversioni e fenomeni collaterali che lo trasformano in vendicatività, e altre maniere subdole che hanno come unico scopo il mantenerlo nascosto e attivo subdolamente verso l’altro.

Ad esempio, quando tratteniamo la nostra rabbia e il nostro odio e non possiamo esprimerlo, finiamo per convertirlo in rancore, rivendicazione, che spesso si convertono in pseudovalori sui quali costruiamo leggi che valgono solo per gli altri e servono solo a mantenere gli altri nella posizione di colpevoli.

In questo modo i nostri stessi valori si cristallizzano in moralismi che storpiano l’etica del vivere.

Come spiega bene F. Kafka in Lettera al padre l’etica implica che i comportamenti siano regolati in reciprocità e uguaglianza, laddove uguaglianza significa offrire agli altri almeno le stesse norme che offriamo a noi stessi. Ma anche su questo piano l’empatia svolge una funzione di elastico, nel senso che consentendo alla persona di stare in contatto con le proprie modificazioni interne aiuta l’individuo a percepire le norme non come fissità assolutistiche e immodificabili, bensì come fenomeni provvisori che aiutano la persona a radicarsi in determinati stili di vita.

E ci sgridavi... e ci fulminavi con gli occhi se scoprivi che qualcuno di noi gettava in terra briciole di pane... E poi... alla fine del pasto scoprivamo che sotto la tua seggiola era pieno di molliche (F. Kafka, Lettera al padre)

Ma se non riconosciamo il nostro odio lo ingessiamo, l’ingessatura lo trasforma in rancore, il rancore si organizza nel significato che hanno gli altri per noi, il significato si trasforma nel valore che l’altro ha per noi: l’altro avrà sempre meno diritti di noi.

Se, al contrario, possiamo stabilire una connessione con il rifiuto di essere rancorosi, ampliamo le nostre conoscenze al Tu che è in noi, al "cosiddetto male" che è in noi, allora non possiamo più non riconoscere all’altro il diritto di odiare e rifiutare, e proprio in quel preciso momento scatta una comprensione che viene dall’aver posto in relazione il diritto al rifiutare: relazione che di per sé aumenta il rispetto tra persone, in quanto gli attribuisce il diritto di inventarsi un modo per campare: il suo modo.

In questo modo l’empatia è il processo di passaggio dal " ti-vedo" al "ti-ri-conosco".

Potremmo paradossalmente dire che non è vero che l’amore cura l’odio, perché l’odio non ha da essere curato, non ha nessuna malattia se non quella di soffrire di solitudine e che in questo atto di essere solo le è compagno l’amore. Spesso uno non sa dell’altro:

Ho errato per boschi e soggiornato nelle nebbie.

Ho amato serpenti, lottato con draghi e volato con aquile... Ho tanta paura di incontrare "Tu" guardandomi nello specchio.

Per concludere: ho l’impressione che la parola empatia abbia finito per designare una pratica un poco pregiudiziale che ha cristallizzato la parola in un comportamento ed è ovvio che nei comportamenti non c’è contatto.

 

tratto da "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n° 41- 42, settembre - dicembre 2000 / gennaio - aprile 2001, pagg. 42 - 45, Roma

 

Grounding Institute

dr. Maurizio D'Agostino

Via Asiago, 35 Catania

www.bioenergetic.it

 
englishitalian

Login Form






Password dimenticata?

Libri Consigliati

bioenergetica-manuale_copy.jpgchiave_per_lo_zen.jpg
ATTENZIONE. AVVISO IMPORTANTE - CAMBIAMO SEDE -

Dal 1 GENNAIO 2016 ci siamo trasferiti nella nuova sede sita in Via RAMONDETTA, 23 VALVERDE

PER INFO: 3923800864

INDICAZIONI PER RAGGIUNGERE LA NUOVA SEDE DI VALVERDE 


https://www.google.it/maps/place/GROUNDING+INSTITUTE+-+DR.+MAURIZIO+D'AGOSTINO/@37.5919769,15.1177059,16z/data=!4m7!1m4!3m3!1s0x1313fea890289751:0x9ad46442550ad6ad!2sGROUNDING+INSTITUTE+-+DR.+MAURIZIO+D'AGOSTINO!3b1!3m1!1s0x1313fea890289751:0x9ad46442550ad6ad?hl=it



Vesak - Incontro di pratica di meditazione zen - Venerdì 22 aprile 2016 -

L'incontro sarà facilitato dal monaco zen Phap Ban 

In tutto il mondo, in questi giorni, nella tradizione buddhista celebrano il Vesak, ovvero la festa sacra che rievoca la nascita, la morte e il Nirvana, l'illuminazione di Buddha.

Il Vesak è una delle feste religiose più importanti del calendario buddhista ed è una occasione per ricordare i precetti, la vita e l'insegnamento di Buddha nel mondo. Cade normalmente nel giorno del plenilunio di aprile o maggio anche se tutto il mese ed in particolare i giorni intorno al plenilunio sono considerati importanti.

A Plum Village si è soliti festeggiare questa giornata costruendo un piccolo ponte nel laghetto di uno stagno coperto di fiori di loto. Uno ad uno i presenti percorrono il ponte al cui centro è stato posta una piccola statua del Buddha bambino e mentre viene intonato un canto aspergono con acqua mista petali di fiori l'immagine del bambino.

Proprio con questo spirito festeggeremo con voi questa giornata che ci ricorda la libertà immensa che portiamo in noi, libertà che nessuno può darci e nessuno può toglierci.

Venerdì ore 19.00 (arrivare 18.30)

 

Jacaranda Center

Via Ramondetta, 21 Valverde

Per info e partecipazione chiamare o mandare un SMS al 3923800864

 

(Attenzione: Se il navigatore vi porta a via Ramondetta 21 di Aci Bonaccorsi allora scendendo prendere la prima a sinistra e poi la prima a destra (e già siete su via Ramondetta di Valverde) e dopo 50 metri trovate i 3 cancelli. Prendere il primo cancello a sinistra e percorre la strada sterrata fino alla fine.



Corso di formazione in Reiki - 1° Livello - domenica a novembre-dicembre - Conduttore: Grazia Puglisi

INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA E REBIRTHING " Verso il Sè profondo: respiro, voce, contatto" -

CONDUTTORE: DR. MAURIZIO D'AGOSTINO

 

SABATO 13 E DOMENICA 14 MAGGIO 2017

 

JACARANDA CENTER

VIA RAMONDETTA, 21 VALVERDE

CELL. 3923800864

www.jacarandacenter.it  



Amicizia con me stesso, amicizia con gli altri Percorso di quattro incontri Offerto dal monaco Zen -

Amicizia con me stesso, amicizia con gli altri

Percorso di quattro incontri
Offerto dal monaco Zen Phap Ban


Cari amici, sono molto felice di tornare in Sicilia e di poter praticare nella natura del nuovo centro di Valverde. 
Qui in Salento abbiamo appena concluso un percorso di quattro mesi.
Abbiamo provato a coltivare una nuova relazione con noi stessi, una relazione di ascolto e di rispetto, di amicizia. Forse il tema che più ci ha ispirato è stato la frase di Thay : "Sentire è già amare". 
Ogni volta mi stupisco dei frutti che regala una pratica continuata. Come sapete non sono né un maestro né una guida ( cadremmo tutti in un fosso ) ma un secchione e mi piace creare momenti di pratica, sento molto prezioso questo nostro stare insieme nell'ascolto, nella presenza.
un abbraccio, a prestissimo
fratello claudio

Il Percorso inizierà sabato 16 e si svilupperà in quattro incontri: ( siate puntuali per favore )

1 Radicamento nel sentire, abitare il corpo, il respiro sabato 16 inizio h 19.00 -21 (Siracusa)

2.Apertura, affidarsi, perdono domenica 17 inizio h 11 -17 (punto di ritrovo Milo ore 9.30) Monti Sartorius - Etna 
3.Amicizia con se stessi mercoledì 20 inizio h 21 -22.30 Valverde

4.Amicizia con gli altri. venerdì 22 inizio h 19.00 -21.00 Valverde

JACARANDA CENTER
VIA RAMONDETTA 21 Valverde (CT)
Per info: 3923800864

Ecco il testo che vi propongo come riferimento durante la nostra pratica:

"Fare Pace con Se Stessi" di Thich N Hanh ed. Ubaldinihttp://www.ilgiardinodeilibri.it/…/__fare-pace-con-se-stess…

Se potete portate con voi penna e taccuino che useremo anche come diario di pratica personale in questa settimana di pratica
Un abbraccio e a presto
fratello phap ban



Corso di formazione professionale in REBIRTHING BIOENERGETICO-TRANSPERSONALE -

In programmazione. 1° modulo in Vivation (o Rebirthing integrativo), 2° modulo Rebirthing bioenergetico, 3° modulo Rebirthing bioenergetico-transpersonale. info: 3923800864



INTENSIVI di REBIRTHING/VIVATION - Sabato e/o domenica ore 10.00-18.30 conduttore M. D'Agostino - In questo ciclo di Workshops intensivi non residenziale si farà un lavoro col respiro (rebirthing e vivation) integrato se opportuno con la terapia bioenergetica.Verranno sperimentate varie modalità di lavoro col respiro ( a secco, eyegaze vivation, vivation allo specchio ecc.).Gli orari di lavoro saranno sabato e/o domenica dalle 10 alle 18.30.

GRUPPO DI MEDITAZIONE ZEN - Ogni mercoledì alle ore 20.30 -

secondo la tradizione di Thich Nhat Hanh. Ingresso libero.

Sede: Grounding Institute Via Asiago, 35 1° Piano a sinistra.



INTENSIVO DI CLASSI DI ESERCIZI BIOENERGETICI conduttore Dr. Maurizio D'Agostino -

"ARRENDERSI AL CORPO"

Sabato 22 aprile 2017 ore 10.00-17.30

 

Jacaanda Center

Via Ramondetta, 21 Valverde (CT)

Per info chiamare: 3923800864 

www.bioenergetic.it  

www.jacarandacenter.it  



CORSO ORTO CON PIANTE AROMATICHE E MEDICINALI condotto da Antonio D'Amico - 23 aprile 2017 -

COME FARE UNA PROPRIA FARMACIA NATURALE. 

Il corso teorico-pratico è rivolti a chi desidera sviluppare uma corretta realizzazione di un orto con piante aromatiche e medicinali e imparare le principali tecniche colturali.

Per info chiamare al 3923800864 

 Jacaranda Center 
Via Ramondetta, 21 Valverde (Catania)

 




La danza del risveglio 28 maggio 2017 -

Per informazioni vedere sul nuovo sito www.jacarandacenter.it



CALENDARIO DEGLI INCONTRI - Grounding Institute -

GRUPPO DI ANALISI BIOENERGETICA 

 condotto dal dr. Maurizio D’Agostino - ANNO 2017

29 GENNAIO  - INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

19 FEBBRAIO  - INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

12 MARZO - INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

9 APRILE -  INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

7 MAGGIO INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

11 GIUGNO-  INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

9 LUGLIO -  INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

17 SETTEMBRE INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

15 OTTOBRE -  INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

19 NOVEMBRE  INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO) orario: 10.00-18,30

3DICEMBRE -  INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO (GRUPPO CHIUSO)  orario: 10.00-18,30

 

brethe.jpg

 

 

INTENSIVI DI REBIRTHING BIOENERGETICO-TRANSPERSONALE

(CATANIA - GENOVA - LECCE - LONDRA - PORT LUIS (MAURITIUS) - 2015

 

 

  

SABATO FEBBRAIO 2016- VALVERDE (CT) INTENSIVO DI REBIRTHING condotto dal dr. Maurizio D'Agostino

14-15 MARZO - GENOVA - INTENSIVO DI REBIRTHING E MEDITAZIONE ZEN condotto dal dr. Maurizio D'Agostino e dal monaco zen Phap Ban

25-26 APRILE - LECCE - INTENSIVO DI REBIRTHING E MEDITAZIONE ZEN condotto dal dr. Maurizio D'Agostino e dal monaco zen Phap Ban  

 PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI SCRIVERE O TELEFONARE  A assunta.desantis@gmail.com – tel. 3456425834

20-21 GIUGNO - LECCE - INTENSIVO DI REBIRTHING E MEDITAZIONE ZEN condotto dal dr. Maurizio D'Agostino e dal monaco zen Phap Ban

 PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI SCRIVERE O TELEFONARE  A assunta.desantis@gmail.com – tel. 3456425834) 

1-2 AGOSTO - GENOVA - INTENSIVO DI REBIRTHING E MEDITAZIONE ZEN condotto dal dr. Maurizio D'Agostino e dal monaco zen Phap Ban

     AGOSTO - LONDRA - INTENSIVO DI REBIRTHING condotto dal dr. Maurizio D'Agostino

3 OTTOBRE - CATANIA - INTENSIVO DI REBIRTHING E MEDITAZIONE ZEN condotto dal dr. Maurizio D'Agostino e dal monaco zen Phap Ban 

 

aztezfractal.jpg

 

 

MARATONE  DI ANALISI BIOENERGETICA

 

 

 

 

 

APRILE - MARATONA RESIDENZIALE DI ANALISI BIOENERGETICA "" condotta dal dr. Maurizio D'Agostino  

Inizia Venerdì  alle ore 19.00 e finisce Domenica alle ore 18.30

 

LUGLIO - MARATONA RESIDENZIALE DI ANALISI BIOENERGETICA "" condotta dal dr. Maurizio D'Agostino 

Inizia Venerdì  alle ore 19.00 e finisce Domenica alle ore 18.30 

 

OTTOBRE-  MARATONA RESIDENZIALE DI ANALISI BIOENERGETICA "" condotta dal dr. Maurizio D'Agostino 

Inizia Venerdì  alle ore 19.00 e finisce Domenica alle ore 18.30  

 

NOVEMBRE -  MARATONA NON RESIDENZIALE DI ANALISI BIOENERGETICA "" condotta dal dr. Maurizio D'Agostino 

                    SABATO 26  ore 1O.00-19,30  e  Domenica 27 ore 18.30  

 

DICEMBRE -  MARATONA NON RESIDENZIALE DI ANALISI BIOENERGETICA "" condotta dal dr. Maurizio D'Agostino 

                    SABATO 17  ore 1O.00-19,30  e  Domenica 18 ore 10.00 - 18.30  

 

 Intensivi di Analisi Bioenergetica  condotti dal dr. Maurizio D'Agostino 

 

 

 

 

 

pranic-healing_mano_a_sx.jpg

 

 

PRANIC HEALING 

 

 

 

 

 

INCONTRO DI PRATICA per gli studenti di PRANIC HEALING del GROUNDING INSTITUTE (gratuito) - ogni lunedì ore 20.00 (telefonare al 392.3800864) 

INCONTRI DI ARHATIC YOGA A CADENZA MENSILE

29 marzo INCONTRO DI SUPERVISIONE di PRANIC HEALING per gli studenti del Grounding institute

     CORSO DI PRANIC HEALING Base (1° LIVELLO) conduttore: Maurizio Parmeggiani -  

26-27 giugno - CORSO DI CRISTALLOTERAPIA PRANICA (4° LIVELLO) conduttore: Maurizio Parmeggiani 

26-27 settembre -  CORSO DI PRANIC HEALING AVANZATO (2° LIVELLO) conduttore: Maurizio Parmeggiani 

     CORSO DI PSICOTERAPIA PRANICA  (3° LIVELLO) conduttore: Maurizio Parmeggiani  

 

tunnel5.jpg

   IPNOSI

 

 

 

Sedute individuali di Ipnosi (ogni pomeriggio da martedì a venerdì) 

Sedute individuali di Ipnosi regressiva (ogni pomeriggio da martedì a venerdì) 

Intensivo di Ipnosi di gruppo ogni mese (escluso agosto) 2016

 


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

logo_siab.jpg

 

Corso di Formazione per Conduttore di Classi di Esercizi Bioenergetici e Counselling a indirizzo bioenergetico

Date 1° anno del Corso di Formazione in COUNSELLING a indirizzo bioenergetico

( Società Italiana di Analisi Bioenergetica - SIAB) - direttore: dr. Maurizio D'Agostino
Orario 10.00-17.00 

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

esercizi bioenergetici per sciogliere le tensioni del viso_n.jpg

 

  CLASSI DI ESERCIZI BIOENERGETICI 

  ogni MERCOLEDI' ore 19.00

 

 

 

 

INTENSIVI DI CLASSI DI ESERCIZI BIOENERGETICI  - Per info chiamare al conduttore

  CONDUTTORE: Dr. Maurizio D'Agostino

In questo intensivo sarà dato ampio spazio al lavoro con le vibrazioni energetiche, al contatto e al lavoro col respiro. Sarà incentrato sugli ultimi sviluppi metodologici di David Berceli sul Tremore neurogenico.

Per Informazioni e iscrizioni telefonare al 392.3800864

 

 respira sei vivo.jpg

 GRUPPO DI MEDITAZIONE ZEN della tradizione di Thich Nhat Hanh

ogni MERCOLEDI' ore 20.45 (ingresso libero) (subito dopo la classe di esercizi)

 

 

 RITIRO DI MEDITAZIONE CON i MONACi ZEN di PLUM VILLAGE

 (VEDERE SITO WWW.ZENQUIEORA.ORG )

 

iNCONTRi DI MEDITAZIONE ZEN COL MONACO PHAP BAN - dal 14 al 28.aprile 2016

 Arrivare alle ore 19.45 per sistemarsi nella sala. I'incontro inizierà alle ore 20.15. Dopo non si potrà più accedere. Inviare sms o telefonare al 392.3800864 (Maurizio D'Agostino) se si intende partecipare all'incontro.

Luogo: JACARANDA CENTER, VIA RAMONDETTA, 21 VALVERDE   http://www.zenquieora.org/www.zenquieora.org

 Gli incontri di pratica zen con Phap Ban proseguiranno ogni pomeriggio e nel weekend 16-17 aprile ci sarà il ritiro. 

Nel weekend del 23-24 aprile ci sarà il Ritiro di REBIRHING E MEDITAZIONE ZEN condotto dal dr. Maurizio D'AGOSTINO e dal monaco zen PHAP BAN. 

Avvisare se si intende partecipare:

JACARANDA CENTER

VIA RAMONDETTA, 21 VALVERDE 

cell. 3923800864 

Pagina di Facebook: ZEN QUI E ORA - Gruppo di Meditazione Zen di Catania-Sicilia

 

GIORNATA DI MEDITAZIONE ZEN  CON IL MONACO ZEN PHAP BAN  -  4 OTTOBRE 

 

iNCONTRi DI MEDITAZIONE ZEN CON I MONACI DELLA TRADIZIONE ZEN DI THICH NHAT HANH DI PLUM VILLAGE - INVERNO 2016 - VALVERDE

 

  ---------------------------------------------------------------------------------------------

logo_isp.png

 

CORSO di SPECIALIZZAZIONE in PSICOTERAPIA BREVE A INDIRIZZO STRATEGICO per psicologi e medici (Istituto per lo Studio delle Psicoterapie - ISP)

  

 BARI, 23-24 maggio

CATANIA  21 FEBBRAIO, 

LAMEZIA TERME, 9-10 maggio,

ROMA, 18-19 aprile

 

PER INFORMAZIONI SU TUTTE LE PROPOSTE

JACARANDA CENTER

Direttore: dr. Maurizio D’Agostino

Cell.  3923800864

Via RAMONDETTA, 21 VALVERDE (CT)

www.bioenergetic.it



CORSO BASE TECNICHE RAPIDE DI INDUZIONE IPNOTICA -

Per psicologi, medici, counsellors, pedagogisti, infermieri ed altri esperti nella relazione d'aiuto e a tutti gli appassionati. Numero massimo 20 persone. Per Info 3923800864.



CORSO DI IPNOSI - TECNICHE DI INDUZIONE E APPLICAZIONE CLINICHE -

per laureati e laureandi in Medicina e Chirurgia, Psicologia, Scienze dell’Educazione, Sociologia, e ai diplomati con laurea triennale in Psicologia, nonché a tutti gli operatori sanitari con laurea. Profilo di uscita: Esperto in Tecniche di Induzione Ipnotica.

Il corso prevede 40 ore di attività didattica teorico-pratica, ed è articolato in 2 week-end.

Per Informazione telefonare al cell. 3923800864



Intensivi di IPNOSI REGRESSIVA, REBIRTHING, BIOENERGETICA condotti dal dr. Maurizio D'Agostino -

Calendario degli incontri per il 2016 

 

20 marzo 2016 Intensivo di Rebirthing ad approccio bioenergetico-transpersonale

23-24 aprile - Intensivo di meditazione zen e Rebirthing con Phap Ban e Maurizio D Agostino 

29 maggio - Intensivo di Ipnosi Regressiva a vite precedenti e Rebirthing 

18-19 giugno - Intensivo residenziale di Rebirthing ad approccio bioenergetico-transpersonale - Castel di Tusa (ME) (presso Museo albergo Atelier d'arte sul mare)

26 giugno - Intensivo di Ipnosi Regressiva a vite precedenti

24 luglio Intensivo di analisi bioenergetica 

21 agosto Intensivo di analisi bioenergetica "Lasciare andare le resistenze e l'atosabotaggio"

22 settembre  Intensivo di analisi bioenergetica "Arrendersi al corpo: dalla paura alla fiducia"

25 settembre  Intensivo di analisi bioenergetica "Decondizionare la propria infanzia" 

22-23 ottobre   Intensivo di REBIRTHING e ANALISI BIOENERGETICA  "LIbera il tuo bambino interiore"

26-27 novembre   Intensivo di REBIRTHING e ANALISI BIOENERGETICA  "LIbera il tuo bambino interiore" 

17-18 dicembre  Intensivo di REBIRTHING e ANALISI BIOENERGETICA  "Padroneggia il tuo bambino interiore"

 

 

Per informazioni chiamare il conduttore degli intensivi Dr Maurizio D Agostino

cell 3923800864

(il programma può subire variazioni con aggiunte di date)

 

Jacaranda Center 
Via Ramondetta, 21 Valverde (Catania)

 


http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.bioenergetic.it%2F&h=ZAQG2JS5MAQFsGDDjZWvGCZvTEsvNXcdFrf0ysXPxqXE1RA&enc=AZOY8icU6R047kL8JHdJ6gyJtxsGgOjrf_oTlLXJiLA4LUA2nx_mX69zeOhNX9zcsJW2OgzzcCDk9S8UiPCl-UcLtJPtrzUvqRbqnKvu-Z_bolVWRFbW4d2uW2Pq7BsDrOO5vjppgijHDvvRYfXZ4fclufmWSUg-z8rm_F4CLs4fv1s7al1bBzj6KCNb9RSrGRlmQzsnm5E6anxTwEfLTuTn&s=1

 

 

 

 

 

 



CALENDARIO 2017 - INTENSIVI DI ANALISI BIOENERGETICA DI GRUPPO conduttore dr. Maurizio D’Agostino -

Calendario Gruppo di terapia bioenergetica

29 gennaio 

19 febbraio

12 marzo

9 aprile

7 maggio

11 giugno

9 luglio

17 settembre

15 ottobre

19 novembre

3  dicembre 

 

Per info: 3923800864

www.jacarandacenter.it 



INTENSIVO DI ANALISI BIOENERGETICA "DISTACCHI" conduttore Dr. Maurizio D'Agostino -

SABATO 3 E DOMENICA 4 GIUGNO 2017 

 

JACARANDA CENTER

VIA RAMONDETTA, 21 VALVERDE

PER INFO: 3923800864 

WWW.JACARANDACENTER.IT 



ATTIVITA' AL JACARANDA CENTER -

- Ogni mercoledì CLASSI DI ESERCIZI BIOENERGETICI ore 19.30-20.45 - conduttore: dr. Maurizio D'Agostino 

- ogni mercoledì MEDITAZIONE ZEN ore 21-22.30
- Ogni giovedì KUNDALINI YOGA ore 18-20 - conduttrice: Lucia Zahara

- Ogni giovedì BIODANZA ore 20.30 - conduttrice: Zaira De Luca 
- ogni Lunedì PRANIC HEALING ore 20-22.00

- ogni Lunedì e venerdì TAI CHI ore 19-20.30 - conduttore: Maestro Nazzareno Russo
- Domenica 30 aprile DANZA DEL RISVEGLIO ore 10-14  - conduttrice: Lucia Zahara

- Domenica 28 maggio DANZA DEL RISVEGLIO ore 10-14  - conduttrice: Lucia Zahara

- Una domenica al mese Intensivo di Analisi Bioenergetica di Gruppo ore 10-18.20 (vedi sotto programma Intensivi)

- Un weekend (Sabato e Domenica) al mese Intensivo di Analisi Bioenergetica di Gruppo, Rebirthing, Ipnosi regressiva orario 10-19.30

Per info : tel. 3923800864
Jacaranda Center, via Ramondetta, 21 Valverde

www.bioenergetic.it
www.jacarandacenter.it
www.zenquieora.org



Realizzazione Siti Web: Studio Insight
pagine viste: